Il termine liquefazione ci fornisce già da subito indizi inequivocabili sul suo significato. Il fenomeno è spesso collegato ad eventi sismici in terreni sabbiosi già di per sé instabili e con presenza di acqua di falda quasi superficiale. La liquefazione è il passaggio del terreno durante un evento sismico di magnitudo oltre il 4.2 della scala Richter dallo stato solido a quello fluido. In parole semplici può accadere che durante un evento sismico importante, la struttura del sottosuolo perda rapidamente la sua funzione portante e i fabbricati possano sprofondare.

Contemporaneamente a questo fenomeno si può assistere inoltre ad un’emersione in superficie di sabbia e fanghi e allo sprofondamento o sollevamento di marciapiedi, strade, costruzioni in genere.

In seguito al sisma 2012, la regione Emilia Romagna ha stanziato nuovi contributi allo scopo di riparare e ristrutturare le abitazioni che hanno subito danni dall’evento sismico. Tale agevolazione si rivolge a tutti i proprietari, usufruttuari e titolari di diritti reali di garanzia che si sostituiscono ai proprietari, che necessitano di interventi necessari a ristabilire le normali condizioni. Oltre a garantire la sicurezza dell’abitabilità di un edificio in cui sia presente almeno un’unità immobiliare e il quale uso sia quello di abitazione principale. I contributi non possono essere utilizzati per unità immobiliari di proprietà non privata ma d’impresa.

Mettere in sicurezza gli edifici danneggiati: come fare

Il contributo è calcolato nella misura al 100%, ma se avete la fortuna di possedere una polizza assicurativa che copre il risarcimento dei danni dovuti a eventi sismici, il contributo erogato sarà pari alla differenza tra il costo dell’intervento e il risarcimento previsto dall’assicurazione.

La domanda va inoltrata on line attraverso il sito www.regione.emilia-romagna.it/terremoto nella sezione Mude troverete le indicazioni per fare domanda on line allo scopo di ottenere i contributi per mettere in sicurezza la vostra abitazione colpita dal sisma del 2012 in Emilia Romagna.

Ricordate sempre che accedere e ottenere i contributi per il sisma, non esclude la possibilità di usufruire anche della detrazione fiscale del 65% per la ristrutturazione.