Quando arriva l’inverno non è necessario dire addio al tuo amato orto.
Coltivare l’orto anche in inverno porta con se un paio di vantaggi.

  • e temperature più fredde permettono all’umidità di conservarsi più a lungo nel terreno, così da non essere vincolati ad innaffiare quotidianamente.
  • le basse temperature e un sole molto meno caldo limitano fortemente il crescere delle erbacce, risparmiando una certa quantità di lavoro.

Verdure e piante per crescere hanno bisogno di acqua e sole, su questo non c’è dubbio, eppure esistono svariati tipi di ortaggi adatti alla coltivazione nei mesi invernali, perché resistenti al freddo.

Gli ortaggi perfetti per l’inverno

Esistono diversi tipi di ortaggi invernali:

  • quelli che si piantano a fine autunno. Questi nascono e crescono durante l’inverno e maturano a primavera. Fanno parte di questa categoria piselli, fave, cipolle, aglio, cipollotti, carote;
  • quelli che si piantano in estate. Questi vengono raccolti durante l’inverno. In questo caso, il riferimento va a cavoli, porri, finocchi, broccoli, verze;
  • piante perenni, che rimangono in campo tutto l’anno. Fanno parte di questa tipologia il rabarbaro e il carciofo.

Esistono verdure che addirittura risultano di qualità migliore se coltivate durante l’inverno: è il caso della verza e del cavolo nero, che hanno uno spessore più tenero e più dolce grazie al gelo invernale.

È importante tenere in considerazione che in inverno puoi coltivare anche qualcosa di alternativo rispetto alle verdure. Sono perfette ad esempio le piante aromatiche come il rosmarino, la salvia e lo zafferano. Lo zafferano, però, richiede tempi di maturazione molto lunghi in quanto sviluppa la foglia durante i mesi più freddi ma lo si raccoglie a novembre.

Come difendere le piante dal gelo

Per quanto vi siano svariate verdure adatte ad essere coltivate e raccolte in inverno, il gelo non perdona. Nessuna pianta resiste ad una gelata aggressiva, ma ci sono dei metodi per difendere le tue pianti.

Quello più semplice consiste nella paccimatura. È la tecnica per cui si cosparge il terreno di materiale organico (escrementi o avanzi di cucina) che scaldano così il terreno attraverso il processo di decomposizione e  tengono al riparo l’apparato radicale. 

Un altro metodo è quello dell’impiego del tessuto non tessuto (il TNT). Si tratta di lenzuoli traspiranti  che possono essere stesi all’occorrenza sopra le coltivazioni per proteggerle dal gelo. Devi ricordarti solo di picchettare il telo per impedire che si sposti durante improvvise folate di vento, compromettendo le tue verdure.